Come si diventa bravi in qualcosa?

Bravi in qualcosa si nasce o si diventa? Potrà anche sembrare una domanda banale, ma offre lo spunto per un ragionamento che banale non lo è per nulla.

Intelligenza, bravura, capacità, cultura, creatività; parole di uso comune che spesso vengono utilizzate male trasmettendo informazioni forvianti.

Capita facilmente di sentir dire a qualcuno che studiando si diventa intelligenti, oppure che se sei creativo non hai bisogno di studiare. Queste ed altre assurdità simili nascono da una mitizzazione della figura stereotipata dell'artista, descritto come genio che deve essere almeno sregolato e se possibile anche al di fuori di tutti i normali schemi.

Novelli aspiranti Picasso imbrattano tele senza conoscere nulla di tecnica pittorica o di storia dell'arte, forti esclusivamente della loro presunta creatività e di tanto, troppo, tempo a disposizione. Aspiranti autori di best seller letterari scrivono flussi di coscienza sgrammaticati e privi di punteggiatura. Fare le cose in modo palesemente anomalo, meglio se in diretta opposizione a qualsiasi regola, sembra dare conforto e coraggio a tutti quelli che si danno dell'artista e del creativo da soli. Perché poi, nello stereotipo è anche ben chiaro che bisogna essere incompresi, altrimenti come si fa ad essere dei veri artisti?

La verità è chiaramente, aggiungerei anche per fortuna, qualcosa di completamente diverso!

Tutti nascono con un potenziale di qualche genere, ma la vera differenza la fa l'impegno che quotidianamente viene dedicato all'acquisizione di cultura ed esperienza nel settore che scegliamo.

Certo chi nasce con una grande capacità può essere avvantaggiato in partenza, ma a nulla varrebbe ogni dono senza un costante lavoro nella giusta direzione.

Bisogna studiare, porsi domande, sperimentare, confrontarsi con gli altri e tutto ciò va fatto con la consapevolezza che per eccellere bisogna farlo con continuità e probabilmente per tutta la propria vita.

Quattro anni fa questo concetto lo sintetizzava molto bene Enzo Mari in televisione. Un piccolo contributo video sul quale riflettere, lo trovare in questo filmato.

Tags: